Cerca
Close this search box.

2 maschere viso di HQ e Frudia

2024-02 Maschere HQ e Frudia

Sommario

Rieccomi qui a parlarvi di due “succose” maschere viso che ho utilizzato durante il mese di febbraio. Entrambe sono a base di frutta, ma non si possono trovare nello stesso posto. I brand di cui vi parlerò oggi, sono HQ e Frudia. Se il primo è facilmente reperibile da Tigotà, il secondo io lo acquisto on line da Notino, ma credo che si possa trovare anche da DM se ricordo bene. Ma ora, senza perdere altro tempo, lasciatemi parlare più approfonditamente di queste due maschere viso.

HQ maschera Vitaminic all’arancia

Questa linea di maschere di HQ è denominata “UpCycled Beauty” perché vengono utilizzati degli ingredienti naturali derivati dagli scarti dell’industria alimentare. In questo modo si attiva un circolo etico in cui vincono tutti, da chi produce cibo, al consumatore finale, passando ovviamente per l’ambiente. Nella maschera Vitaminic questo ingrediente recuperato è l’acqua di arancia ricca di vitamina C dalle proprietà esfolianti ed illuminanti. Oltre al cuore d’arancia, troviamo anche l’estratto di bacche di goji biologico, super frutto antiossidante, l’aloe vera sempre biologica che è lenitiva ed emolliente ed, in fine, l’acido ialuronico che aiuta a mantenere l’idratazione. Si può tenere anche in frigorifero per un effetto più fresco, ma vista la stagione, ho evitato.

Il foglio è dello spessore giusto, né troppo sottile, né troppo spesso, esattamente come piace a me. È piegata bene e si apre agevolmente. Non è molto imbevuta di siero e non sgocciola. Ha un leggero profumo di arancia. La posa è molto confortevole perché non irrita, non dà fastidio perché è della dimensione giusta e non è gelida come spesso mi accade. La maschera ha una posa di 15 minuti e nonostante io le tenga sempre molto di più, dopo 20 l’avevo già levata perché la sentivo secca. Non mi era mai capitato che una maschera avesse i tempi di assorbimento corretti per il mio tipo di pelle e l’ho apprezzato molto. Una volta levata si nota una leggera luminosità anche se il siero rimane un po’ appiccicoso. L’idratazione é discreta, ma sulla parte lenitiva c’è ancora da lavorare secondo me. I leggeri rossori che avevo sulle guance dovuti a zone più secche sono rimasti tali.

Aqua, Glycerin, Olus Oil, Lauryl Glucoside, Polyglyceryl-2 Dipolyhydroxystearate, Prunus Amygdalus Dulcis Oil, Ethylhexyl Palmitate, Caprylic/Capric Triglyceride, Sodium Hyaluronate, Aloe Barbadensis Leaf Juice, Opuntia Ficus-Indica Stem Extract, Lycium Barbarum Fruit Extract, Citrus Aurantium Dulcis Fruit Extract, Allantoin, Butyrospermum Parkii Butter, Tocopheryl Acetate, Methylpropanediol, Glyceryl Oleate, Dicaprylyl Carbonate, Citric Acid, Xanthan Gum, Pullulan, Caprylyl Glycol, Dipotassium Glycyrrhizate, Tetrasodium Glutamate Diacetate, Dipropylene Glycol, Hydroxyacetophenone, Lactic Acid, Sodium Benzoate, Potassium Sorbate, Benzyl Alcohol, Dehydroacetic Acid, Parfum, Citral, Geraniol, Limonene, Linalool

Frudia R Cherry

Le coloratissime maschere di Frudia della linea “My orchard squeeze mask” sono formulate con un brevettato metodo di estrazione a freddo del succo della frutta e questo permette di mantenere intatte tutte le proprietà degli ingredienti che con il calore vengono depotenziati. Quando ho visto quella alla ciliegia non ho potuto resistere. Come lo stesso brand coreano scrive, la ciliegia è considerata come il diamante della frutta. Per quanto mi riguarda posso immaginarmi il perché. La parte più venale di me direbbe per il prezzo, quella invece più “cosmetologa” vi direbbe che è perché in un frutto così piccolo sono concentrati moltissimi benefici. Le funzioni principali di questa maschera sono purificanti, idratanti ed illuminanti.

Il foglio è sottile con una trama a rete ed è un pò difficile da aprire. Il profumo di ciliegia c’è, ma purtroppo è piuttosto chimico. Non infastidisce però perché una volta appoggiata la maschera sul viso svanisce in breve tempo. Ritengo le dimensioni della maschera giuste. È ben imbevuta, ma fortunatamente non cola. La posa è di 10-20 minuti, ma io l’ho tenuta in posa il doppio del tempo massimo. In questo modo si era seccata abbastanza bene dappertutto ed in maniera omogenea. Una volta levata ho notato la pelle più compatta, rinfrescata. Non lascia residui appiccicosi e nel complesso l’ho trovata una discreta maschera idratante, ma non purificante.

Water, Dipropylene Glycol, Methylpropanediol, Glycerin, PEG-60 Hydrogenated Castor Oil, Acrylates/C10-30 Alkyl Acrylate Crosspolymer, Arginine, Octyldodeceth-16, Xanthan Gum, Betaine, Erythritol, Vaccinium Angustifolium (Blueberry) Fruit Extract, Butylene Glycol, Xylitylglucoside, Anhydroxylitol, Prunus Serotina (Wild Cherry) Fruit Extract, Beta-Glucan, Biosaccharide Gum-1, Alteromonas Ferment Extract, Black Strap Powder, Gluconolactone, Glucose, Sodium Hyaluronate, Ethylhexylglycerin, Disodium EDTA, Phenoxyethanol, Chlorpehenesin, 1,2-Hexanediol, Fragrance

Potete vedere le altre recensioni della categoria qui.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.