Cerca
Close this search box.

I miei 2 smalti di novembre 2023

I miei 2 smalti di novembre 2023

Sommario

Questo mese devo dire di essere stata molto lineare, nel senso che i miei 2 smalti di novembre 2023 fanno parte della stessa gamma cromatica. Non c’è un perché, semplicemente la mia mano è stata guidata in quella direzione. Il colore che ho preferito ed indossato sulle unghie questo mese è stato il verde. Sono partita con la profondità di un verde scuro color veleno, passando per uno militare e terminando con uno brillante che ricorda le piante caraibiche baciate dal sole. Come si dice, “verde speranza”, ed in questo periodo io, ma credo tutti, ne abbiamo molto bisogno.

Oltre alle gradazioni diverse, anche i brand che ho utilizzato sono vari e tutti hanno, per me, una resa stupenda. Tranquilli, li conoscete già. Uno è con me da tantissimo ed infatti sono a metà, l’altro da un po’, e l’ultimo è un recente regalo.

Come al solito vi ricordo che non sono una professionista, anzi, ma questo articolo ha il solo pretesto di parlare della mia più grande passione ovvero gli smalti.

Manucurist Poison con no water marble

Manucurist Poison no water marble

Partiamo con la nail art che secondo me è più d’effetto, ovvero una no water marble. Vi ricordo che a differenza di quella classica, questa non ha bisogno di acqua, ma va preparata un giorno prima. Il procedimento è lo stesso. Si prende una carpetta trasparente e si iniziano a far cadere una dentro l’altra abbondanti gocce di smalto. Io ho utilizzato: Poison di Manucurist, bianco mini di Kiko, Sun show verde brillante sempre di Kiko in questo ordine ed ho ripetuto la sequenza finché non sono stata soddisfatta del risultato.

Dopodiché con un dotter o un bastoncino di legno, ho tirato il colore nelle direzioni che volevo per formare un disegno astratto. Ho lasciato il tutto su una superficie piana, ed il giorno dopo con una pinzetta ho staccato il disegno dalla carpetta facendo attenzione a non rompere i bordi, ma per evitare del tutto questa evenienza, io faccio un disegno decisamente più grande rispetto alle dimensioni delle mie unghie così se rompo i bordi mi dispero.

In fine, ho tagliato in due la figura risultante e l’ho applicata su anulare e medio, non prima però di aver steso un velo di Strenghthener di Kiko su tutte le unghie. La no water marble va poi aggiustata con l’aiuto di forbicine ed una lima. Su tutte altre dita ho fatto una doppia passata di Poison di Manucurist ed una volta asciutta, ho passato il top coat sempre di Manucurist dappertutto che gli ha donato una splendida luminosità. Questa nail art a me è piaciuta molto perché l’ho trovata elegante e raffinata. Verdi diversi creano una certa omogeneità e l’oro riflettente dona una bellezza unica che la gente noterà. Garantito!

Astra n.68 e stamping

Astra 68 stamping

La seconda nail art che fa parte dei miei 2 smalti di novembre 2023, è stata effettuata con la piastra dello stamping. Nonostante tutti i video che guardo, questa tecnica non è affatto semplice come appare. Infatti per me risulta sempre molto sfidante e devo dire che questa volta mi sembra riuscita abbastanza bene. Innanzitutto ho steso la solita base trasparente Strengthener di Kiko ed una volta asciutta, ho fatto un paio di passate del colore n.68 di Astra. Ho atteso diverso tempo che si asciugasse per bene (non abbiate fretta se no dovete rifare tutto), ed ho preparato la piastra per lo stamping. Siccome ultimamente sto in fissa con le piante, ho scelto un motivo di foglie un po’ stilizzate.

Con lo smalto mini bianco di Kiko prima, e con quello nero poi, ho trasferito l’immagine su medio ed anulare, facendo attenzione a pulire bene con il solvente la piastra e lo stampino tra uno e l’altro. Anche qui ho atteso che fosse tutto completamente asciutto ed ho fatto una passata leggerissima su entrambi di uno smalto effetto crema (che a me sembra più effetto pietra) di Sabrina Azzi, in modo che lasciasse quei minuscoli pallini neri e bianchi. Ancora una volta ho atteso che tutto fosse ben asciutto per applicare il top coat di Manucurist.

Fate attenzione alla velocità, perché la tecnica dello stamping nasconde numerose insidie, tra qui quella che lo smalto si secca subito sul tamponcino e quindi dovete essere molto veloci nel trasferimento.

Ricordate poi che per asciugare molto velocemente lo smalto tra un passaggio e l’altro, potete usare le nail polish drying drops di Kiko che sono una vera certezza.

Potete vedere gli altri articoli sulle nail art qui.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.